Il benessere lavorativo: lavorare bene per lavorare meglio!

Un ambiente di lavoro ben progettato e che risponde alle aspettative e alle specifiche esigenze del lavoratore influisce positivamente sul benessere lavorativo. Esso influenza la produttività del singolo e del gruppo. Favorisce, inoltre, rapporti di qualità. E ciò sia all’interno del gruppo stesso di lavoro, che con gli utenti (nel nostro caso gli Assistiti del Servizio Sanitario Nazionale).

Il benessere lavorativo lo si raggiunge soprattutto quando si riescono a conciliare i principali elementi del lavoro: lavorare in condizioni ottimali non solo in termini di presidi a disposizione ma anche di dotazioni organiche in un contesto di riconoscimento reciproco della professione svolta con reali possibilità di valorizzazione non solo economica ma anche di ruolo ricoperto nell’organizzazione determinando così anche un maggior senso di appartenenza.

Mobbing lavorativo: conoscerlo per tutelarsi

Innanzitutto occorre conoscere il significato della parola Mobbing. L’etimologia del termine risale al verbo inglese [to]mob, ovvero assalire, molestare. Il significato letterale si riferisce a una serie di condotte vessatorie, aggressive e persecutorie nei confronti del dipendente. Esso è, ma non necessariamente, causa spesso di Burnout. Tutti possono essere colpiti e...

La prevenzione dei rischi negli ambienti di lavoro: la valutazione

Sulla sicurezza non si scherza In questo articolo andremo ad analizzare la parte più importante e cruciale su cui si fonda il D.Lgs 81/2008 Servizio di prevenzione e protezione (SPP): la prevenzione dei rischi sul luogo di lavoro e il Documento Valutazione dei Rischi. Il SPP come già descritto nell’articolo dedicato...

Competenze: dal saper come fare all’essere in grado di fare

Lavorare con competenza Il passaggio ineludibile degli ultimi anni in tutte le organizzazioni è passare da competence at work a working with competencies; vale a dire da “competenza al lavoro” a “lavorare con le competenze”, che non significa “avere le competenze per lavorare” ma bensì “saper lavorare con le competenze”. Questo...

Aspettative lavorative e CCNL: Infermieri, Oss e Professioni Sanitarie, Tecniche e Amministrative

Come abbiamo visto è da poco stato approvato il nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro sanità pubblica relativo al triennio 2016/2018. Vediamo insieme come gli aspetti normativi hanno modificato o meno gli indirizzi in merito alle aspettative che un dipendente ha il diritto di richiedere alle proprie aziende. Questo vale per...

L’Ordine di Servizio: cos’è e quando può essere indirizzato al lavoratore

Richiesta sempre applicabile? Turni sfiancanti? Disposizioni illegittime? L’oridine di servizio a tua tutela! Vediamo insieme cos’e’ e come richiederlo, in allegato i moduli predisposti dalla FIALS per disattendere o richiedere un ODS. A volte, chi opera nell’ambito sanitario, si trova quasi a subire delle disposizioni da parte del nostro coordinatore o...

Il lavoro straordinario nella sanità pubblica

Quando si parla di lavoro straordinario il riferimento normativo è costituito dall’art. 5 del Decreto Legislativo n. 66 del 2003. La norma riconosce alla contrattazione collettiva la facoltà di regolamentare le modalità di esecuzione del lavoro straordinario ma entro i limiti massimi fissati dal precedente articolo 4, che fissa il limite di durata massima dell’orario di lavoro.